Welcome to our Blog

Para Doxando

Read our Blog

Perché ci piace la pubblicità di Air France

 

Fate un esperimento: guardate questo video e poi riflettete sulle sensazioni che vi ha trasmesso.
Ho posto questa stessa domanda a un piccolo campione, definiamolo casalingo (sono gli amici e i parenti che mi sopportano di buon grado, o almeno spero), in fascia di età 14/53 anni, senza nessuna pretesa di validità statistica. Il feedback, seppure espresso in modi differenti che mi hanno costretto con i più giovani a decostruire il termine figo nelle sue varie componenti, è stato più o meno lo stesso: curiosità, leggerezza, piacevolezza, energia, naturalezza.

Continua a leggere

Riflessioni sulla felicità e sull’educazione

Tragitto cittadino in bici, nell’orario in cui i bambini delle elementari vengono accompagnati a scuola. Mentre pedalo, nell’aria fredda delle mattine di marzo, mi guardo intorno. Alla fermata dell’autobus ci sono un papà e una bimba, entrambi di colore. Lei, imbacuccata in un giubbotto rosa e sciarpa rosa, con uno zaino rosa sulle spalle, sorride e non stacca gli occhi dal papà. Lui sorride e non le stacca gli occhi di dosso mentre improvvisa passi di ballo: sì, sta ballando per sua figlia alla fermata dell’autobus, senza alcuna musica di sottofondo. Non c’è alternativa, sorrido anche io.

Continua a leggere

Attacchi di panico

“Dottore, soffro di attacchi di panico” è forse uno degli incipit più comuni con cui mi confronto nella mia attività clinica, quando la persona, arrivata qui, si accomoda sulla poltroncina gialla ed espone il motivo per il quale si è rivolta a me. “Ne è proprio sicura?” sarebbe la risposta spontanea e forse poco opportuna da dare in quel momento. Specifico due cose: parlo al femminile perché l’incidenza è significativamente maggiore tra le donne e non intendo sminuire il disagio e lo spiazzamento che si prova durante un attacco di panico, corredato da sintomi fisiologici come sudorazione, tachicardia, difficoltà respiratorie, nausea, tremori oltre a parestesie, sbandamento e vissuti di paura intensa e apparentemente immotivata. È però opportuno chiarire che spesso ci si trova ad affrontare un unico attacco di panico, magari verificatosi in condizioni piuttosto plausibili, tanto da non sembrare del tutto immotivato, ma la paura che si possa ripresentare lo trasforma in un disturbo, con la caratteristica della ripetitività nel tempo, sulla base di un’unica insorgenza. Continua a leggere